EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Le ultime notizie

0

Piano Regionale di Sviluppo, Fattori e Sarti (Sì): “Nelle politiche per la formazione professionale una programmazione errata e un drastico calo delle risorse, dell’Offerta Formativa e del numero di persone formate. Approvato emendamento per offrire più ascolto alle esigenze dei territori e dare maggiore aiuto ai soggetti più vulnerabili.”

“Se tra il 2012 e il 2013 in Toscana avevano ricevuto una formazione professionale circa 11.000 adulti disoccupati, la stima tra il 2014 e il 2017 è di circa 4.300. Cosa sta succedendo? Innanzitutto si è scelto di tagliare drasticamente le risorse eur

0

Piano Regionale di Sviluppo, Fattori e Sarti:”Approvato nostro emendamento: nelle isole toscane si facciano solo interventi infrastrutturali rispettosi del paesaggio e rispondenti alle reali esigenze del territorio. Quello che non sta accadendo con il Porto di Marciana Marina”

Se pensiamo a interventi di sviluppo dei piccoli porti nelle nostre isole, facciamolo nel rispetto del paesaggio, dell’ecosistema e delle reali esigenze occupazionali del territorio. È stato approvato ieri in Aula l’emendamento di Sì Toscana a Sinis

0

Piano Regionale di Sviluppo, Sarti e Fattori (Sì): “Di fronte alla crisi economica e alle difficoltà materiali di migliaia di cittadini, si continua a definanziare lotta alla povertà e diritto alla salute. Riconfermando gli effetti nefasti di una riforma sbagliata”

Mentre in Toscana la popolazione a rischio di povertà e di esclusione sociale ha raggiunto un tasso di circa il 20%, lo strumento cardine di governo della maggioranza, il Piano regionale di sviluppo, si rivela su questo terreno ancora una volta largament

0

Piano Regionale di Sviluppo, Fattori e Sarti (Sì): “Un piano di sviluppo o un piano d’austerità? Un documento calato dall’alto, fatto di sogni contraddittori. Ci chiedono di far le nozze con i fichi secchi: mancano le risorse”

“Sarebbe più appropriato ribattezzarlo Piano Regionale d’Austerità, perché al di là di lunghissimi elenchi di buone o cattive intenzioni, mancano le risorse per realizzarle. Questa è la realtà, non il mondo onirico presentato dalla neonata coali