EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

18 febbraio 2016 –

Il grave incidente accaduto presso la Clinica oculistica di Careggi nel giugno scorso, che ha visto sette pazienti infettati costretti a lungo a sottoporsi a cure e interventi per riparare il danno, ha evidenziato con chiarezza forti carenze nell’affrontare tempestivamente e adeguatamente l’emergenza da parte dell’Azienda. Lo stesso Assessore Saccardi ha motivato l’accaduto con l’inesperienza di una dirigenza da poco in carica e noi per altro aggiungiamo priva dei necessari titoli formativi previsti per quell’incarico dalla specifica Delibera di Giunta.

Il Rischio Clinico Regionale, incaricato di valutare gli episodi avversi che avvengono nelle Aziende Sanitarie, era stato creato nel 2003 come entità autonoma.  Successivamente, nel 2008, fu invece inquadrato dentro la struttura organizzativa di Careggi, proprio con l’idea che lì esistessero competenze altamente qualificate.  L’episodio ha evidenziato l’inverso e la necessita di ripristinare una posizione di autonomia e terzietà. Non possiamo pensare che chi deve valutare l’operato di un’Azienda sia pagato dall’Azienda stessa. Presenteremo in Consiglio una mozione in merito.

Oggi abbiamo ascoltato dal Direttore Sanitario e dal dirigente del Risk Management di Careggi una ricostruzione dei fatti che ha omesso errori e ritardi dei quali invece abbiamo prova. Siamo peraltro molto amareggiati dell’assenza in Commissione del Direttore Generale Calamai, giustificata con impegni istituzionali nonostante il lungo preavviso. La invitiamo a rimediare quanto prima a queste inefficienze di gestione che mettono a rischio la salute dei pazienti

.

Commenta