EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

“Le librerie non sono solo un luogo di commercio, ma anche un punto di incontro tra persone con orizzonti culturali diversi. È un servizio da tutelare e promuovere: la progressiva scomparsa delle librerie indipendenti è un segnale di impoverimento del tessuto sociale e di decrescita culturale e civile del nostro territorio.” Così Tommaso Fattori, candidato presidente per Sì – Toscana a Sinistra, oggi presente ad un incontro presso la Libreria dei Lettori, a Firenze, a sostegno della petizione Libreria Bene Comune, in favore delle librerie indipendenti. “Il libro è libero e per sua natura incompatibile con il concetto di monopolio. Proponiamo l’apertura di librerie in ogni comune sul territorio toscano.”

“Parliamo di un dimezzamento in 20 anni nel settore”, spiega Fattori. “Nel 1994 avevamo 350 librerie, oggi sono circa la metà. Occorre pluralità: il mondo dei libri non dev’essere lasciato in mano alle grandi catene monopolistiche. Deve fiorire la bibliodiversità e le librerie indipendenti devono avere sostegno e dignità. Nei comuni sotto i 15,20,30 mila abitanti non ne esistono e questo non è ammissibile: le librerie sono un bene comune, da diffondere su tutto il territorio. Sì – Toscana a Sinistra intende valorizzarle e promuoverle anche con strumenti destinati all’imprenditoria giovanile, con contributi di avvio a fondo perduto e successivo accesso a forme di credito agevolato e microcredito.”

“Sul versante nazionale appoggiamo la proposta di legge di Sel (Onorevoli Giordano Giancarlo, Fratoianni Nicola e Costantino Celeste), Disposizioni per la diffusione del libro su qualsiasi supporto e per la promozione della lettura, che cerca di dare un riconoscimento alla funzione sociale e di diffusione della cultura delle librerie, riservando anche competenze alle regioni, e che mira a coinvolgere le scuole con l’istituzione di una biblioteca per istituto e la creazione di reti di biblioteche. Si chiede, inoltre, l’istituzione di un fondo di 25 milioni di euro per l’acquisto libri da parte degli studenti”, conclude Fattori.

Commenta

Sostienici

facebook

Resta in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter