EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

“Negli atti d’indirizzo legati alla Finanziaria della Regione Toscana poco o nulla c’è riguardo alle condizioni dei lavoratori” dichiarano i Consiglieri di Sì Toscana a Sinistra Paolo Sarti e Tommaso Fattori intervenendo sull’aggiornamento al Documento di economia e finanza regionale 2017.

 

“L’uso “improprio” dei voucher è dilagante anche in Toscana: nel 2013 erano due milioni e 400mila, nel 2014 sono saliti a quattro milioni e 400mila, nel 2015 si sono superati gli otto milioni e solo nel mese di gennaio 2016 se ne contano 624mila”. “Il tutto genera lavori sporadici con retribuzioni da fame”. “Quest’odiosa legalizzazione di un salario minimo non contrattualizzato deve essere combattuta”.

 

“Come Sì Toscana presenteremo nel nuovo anno atti affinché la Regione non sostenga le aziende che usano i voucher, andando invece a premiare chi assume con contratti di lavoro a tempo indeterminato, chi s’impegna a mantenere i livelli occupazionali, chi non delocalizza la produzione”.

Commenta