EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La Giunta ha confermato, nel corso della comunicazione sul futuro della gestione dei rifiuti in Toscana, il definitivo accantonamento dell’inceneritore di Case Passerini, che sarà tolto dalla prossima programmazione regionale. Nel corso del suo intervento in Aula Tommaso Fattori, capogruppo di Sì-Toscana a Sinistra, ha parlato di “traguardo storico” per il quale “abbiamo dato incessante e aspra battaglia nel corso di questi quattro anni di legislatura.”

Fattori ha parlato di “importante vittoria collettiva: degli abitanti del territorio, delle ‘Mamme no inceneritore’, dei comitati, delle associazioni ambientaliste, del Sindaco di Sesto Lorenzo Falchi e della sua maggioranza, oltre che del gruppo Insieme cambiamo Sesto – per Sesto bene comune; e un pò anche nostra”.

Fattori ha sottolineato in Aula come sia rilevante il fatto che “la Giunta dichiari di voler superare il vecchio paradigma dell’incenerimento, fino ad oggi considerato orizzonte necessario e persino positivo, per via del così detto recupero di energia”. 

Tuttavia – ha aggiunto Fattori – non è un vero passo avanti se al posto degli inceneritori si pensa di costruire i gassificatori, vuoi per smaltire il pulper e produrre energia, come nel caso del progetto KME a Barga, vuoi per estrarre combustibili dai rifiuti, come nel caso del progetto di ENI a Livorno. I combustibili, come ovvio, sono a loro volta destinati ad essere bruciati, mentre l’economia circolare è finalizzata al recupero e alla conservazione di materia”, ha concluso Fattori.

 

Commenta