EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Siamo preoccupati per il futuro della sanità toscana e del fatto che Rossi abbia tenuto il Consiglio regionale allo scuro di tutta questa vicenda. Da una parte il nostro sistema, come quello delle Regioni che ancora non si sono interamente piegate alla logica delle privatizzazioni, è sotto l’attacco del rigorismo giallo-verde, condito dalle ambizioni elettorali della Lega. Dall’altra vorremmo capire meglio a quale costo, per i cittadini, sarà mantenuto l’impegno di ridurre il debito nei prossimi 19 anni. Dove saranno prese le risorse?”. Lo affermano i consiglieri regionali di Sì-Toscana a Sinistra, Paolo Sarti e Tommaso Fattori. 

“Conte si rende conto che ne va di quel che resta del servizio sanitario pubblico? Il problema di fondo restano i tagli alla spesa sanitaria stabiliti da tutti gli ultimi Governi. Pensi piuttosto ad aumentare le risorse, ed è quello che dovrebbero chiedere convintamente il presidente Rossi e il Pd. Lo stesso Rossi che a suo tempo accolse i tagli del governo Renzi affermando che sarebbero stati uno stimolo a far meglio. In realtà l’austerità e i tagli alla spesa sanitaria rischiano di sgretolare definitivamente le prestazioni offerte dal servizio sanitario regionale: non si può continuare a ripetere che tutto va bene e che rispettare i parametri non avrà ripercussioni sul personale sanitario e i livelli di assistenza. Quindi – concludono Sarti e Fattori – il presidente venga in Consiglio regionale a riferire l’andamento della trattativa con il Ministero dell’Economia e si impegni a chiedere più risorse”. 

 

1 Comment

    • Cerbai Sandra

      Nel Mugello siamo peoccupati per il nostro presidio ospedaliero. Deve in tempi brevi essere messo a norma antisismica entro breve tempo, da tempo la Regione promette lavori ma al momento l’ospedale corre il rischio di Chiudere ematologia e urologia.
      Al PS manca RSM e TAC dedicata. Intanto la Saccardi inaugura una TAC ultima Generazione e ambulatori in istituzione privata.
      Il Mugello E ” 1/3 della provincia di Firenze ha un territorio morfologicamente diverzificato dalla valle a 3 passi montani. I tagli nella
      sanità sono stati già tanti; hanno ridotto a 3 le 12 ASL costituendo un’area cosiddetta VASTA Nella quale si Riducono assunzioni di personale perché per esempio uno specialista si sposta su più realtà.

      reply

Commenta