Contributi specifici per l’acquisto della prima casa nelle aree montane o per la ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente da destinare alle famiglie residenti o a chi intenda acquisirvi la residenza: è quanto prevede una mozione del gruppo Toscana a Sinistra approvata all’unanimità dal Consiglio regionale nell’ultima seduta. “Le aree montane coprono quasi la metà del territorio della Toscana ma sono abitate da appena il 12 percento della popolazione e soffrono a causa della mancanza di servizi e infrastrutture”, ha spiegato in Aula il candidato presidente della Regione per Toscana a Sinistra Tommaso Fattori. “Negli ultimi decenni ciò ha portato all’abbandono progressivo delle aree montane da parte della popolazione più giovane. È quindi urgente programmare interventi efficaci per rivitalizzarle, contrastandone lo spopolamento e valorizzandone lo sviluppo economico, sociale, culturale e civile. Dobbiamo incentivare la scelta di organizzare vita e lavoro in un contesto montano”. Nello specifico, l’atto di indirizzo di Toscana a Sinistra approvato dal Consiglio regionale impegna la Giunta a concedere contributi a nuclei familiari già residenti in montagna o che intendano trasferirvi la loro residenza, che desiderino acquistare come prima casa immobili già esistenti, senza ulteriore consumo di suolo, o ristrutturare e recuperare il patrimonio edilizio esistente da adibire a prima casa.

3 Comments

    • franco Matteoni

      perché non è stato allegato il provvedimento approvato?

      reply
    • guido cerbai

      molto importante , possiamo avere il testo della mozione ?

      reply
    • Silvano Bartaletti

      Condivisibile la mozione ma limitativa a insediamenti famigliari. Incentivante per chi magari in pensione intende staccare dalla Città. Diverso sarebbe trasferirci il lavoro. Le tecnologie lo porrebbero a portata di mano se le Aziende, Organizzazioni,Servizi, attraverso indirizzi e agevolazioni venissero dalla Regione o dallo Stato guidate verso questi scopi. Penso che una redistribuzione Sul territorio dei carichi antropici Favorirebbero soluzioni di varia Natura e origine.

      reply

Rispondi a guido cerbai Cancella la risposta