L’immane tragedia di oggi è un evento che lascia impietriti e senza parole. Una catastrofe atroce dovuta all’inadeguatezza degli strumenti di soccorso, di cui ognuno di noi deve sentire la responsabilità

Settecento persone hanno perso la vita mentre cercavano una speranza. C’è un’unica via per evitare che questo possa accadere di nuovo: garantire una prima protezione di UNHCR in Africa con l’apertura di un canale umanitario che determini viaggi legali e sicuri verso l’Europa. In questo modo, l’Europa tutta diventerebbe protagonista della prima accoglienza e poi di una distribuzione omogenea dei profughi. Ad oggi, l’agenzia Frontex garantisce solo sperpero di denaro e disumanità; mentre la missione Triton è inutile e l’avevamo già detto. 

L’Italia, invece del solito dibattito col misurino dei suoi presidenti di regione su quanti richiedenti asilo ogni territorio possa accogliere, s’impegni subito a rifinanziare la missione Mare Nostrum che, sebbene non perfetta, almeno salvava vite umane.

Commenta

Sostienici

facebook

Resta in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter [mc4wp_form]